0

Elogio al biscotto inzuppato: la colazione a Barcellona

Chi mi conosce bene sa che la mia relazione con la colazione ha sempre vissuto di alti e bassi, tira e molla, passione e corna, Gianni e Pinotto (avevo finito le coppie).

Sin dal momento della mia nascita, quel meraviglioso e asfissiante 1 luglio di 17 anni fa (…), la mia cara mammina si è preoccupata di non farmi mai mancare il mio succulento biberon, anche se definirlo così è ben più di un eufemismo.

Quel malefico concentrato di future smagliature e manigliette dell’amore (quanto amore!), risultava così composto:

– mezzo pacco di biscotti Plasmon;

– trecentoquarantasette grammi di zucchero;

– un uovo;

– alimenti più o meno commestibili di natura indefinita.

Ah, sì… Latte, q.b., per riempire fino all’orlo la bottiglietta della felicità.

Più che colazione dei campioni, la ricetta perfetta per l’obesità. Eppure, io mi sentivo talmente bene. Vivevo il momento del biberon con un’eccitazione tale che se fossi stata un cane avrei dato origine a un sifone da scodinzolamento.

Tutto ciò finché un bel giorno, probabilmente preoccupato per la mia salute psicofisica e le mie crisi di astinenza da latteossicadipendente, mio padre decise di distrarre mia madre con un altro figlio. In realtà, il suo diabolico piano prevedeva l’allontanamento dal tetto coniugale della strega di Hansel e Gretel che, impegnata a sfornare il nuovo bambino da ingozzare, avrebbe lasciato nelle sue mani quella piccola palletta di carne e coccole che ero diventata.

Bambino grassottello

Me l’hanno sempre cercata di rifilare come una carenza di doti logistiche paternali, ma io adesso so qual era l’obiettivo di mio padre quando la notte del 5 ottobre (suo compleanno, tra l’altro…) mi preparò quel biberon di latte bollente, talmente tanto caldo da ustionarmi la lingua. Quello stesso biberon che con i suoi 352 gradi Fahrenheit mise nel congelatore e che mi diede una mezz’oretta dopo, con il ciuccio croccante totalmente congelato e il latte che continuava a essere lava fusa dentro.

Lo sdegno del momento ha avuto serie ripercussioni sulla mia alimentazione, tanto da allontanarmi dal latte, dal biberon e da qualunque cibo allo stato liquido in un recipiente tazzeiforme per anni, oltre all’incapacità di ingerire praticamente qualsiasi tipo di alimento prima delle 12 p.m. senza avere conati di vomito.

A 22 anni la svolta, o meglio, il ritorno. Quando lasci casa e inizi il travagliato percorso della studentessa fuori sede, la pigrizia, l’inettitudine e la resaca ti spingono a ricercare le tue origini… O quantomeno dei modi efficaci per zittire quel fottutissimo tirannosauro rex che durante le lezioni all’università ruggisce nel tuo stomaco, facendo girare la metà della classe verso di te e compromettendoti qualunque tipo di relazione sociale con gli autoctoni.

Così io e la colazione siamo tornate insieme. Una storia d’amore che si è complicata da quando sono sbarcata in terra spagnola.

Barcellona

La colazione a Barcellona

Oltre al fatto di essermi riscoperta leggermente intollerante al lattosio, mi piacerebbe invitarvi a fare un giretto per il triste corridoio dei biscotti in un super mercato barcellonese (a meno che non si tratti del Paki di Carrer Parlament).

Avete presente i nostri chilometrici scaffali di Mulino Bianco, Balocco, Saiwa, Pavesi, Doria, Gentilini, Galbusera, Colussi, Bistefani e tutte le altre sottomarche che imitano perfettamente i biscotti più friabili, buoni e variegati sulla faccia della Terra? Ecco… Dimenticateveli.

Qui a Barcellona troverete degli insulsi biscotti Maria, così secchi che neanche lasciando un pacco di Gran Cereale 3 settimane sotto il sole della mia amata Sicilia riuscirei a rendere bene il concetto, e qualche altro tentativo mal riuscito di pasta frolla, oltre ai cookies industriali.

Biscotti Maria

Potete immaginare lo stato di disperazione quando ho inzuppato l’ultimo frollino nella mia tazza di latte ed Eko qualche giorno fa, superstite dei 3 pacchi importati in una valigia di 30 kg di cibo made in Italy…

Cosa mangiare a colazione a Barcellona

Dopo questa lunga e tragica premessa, per rassicurarvi sul fatto che non rischio l’estinzione e che potete comunque venire senza pacchi di biscotti appresso in vacanza a Barcellona, vi do la mia top 3 delle possibili opzioni per fare colazione qui.

1. Ensaimada

Cugina della nostra treccina con lo zucchero, l’ensaimada può essere semplice, con gocce di cioccolato o con crema chantilly dentro. Potreste abbinarla a un cafè amb llet o café con leche, ovvero un cappuccino senza schiuma, o un Colacao, la versione iberica del Nesquik.

ensaimada

2. Coca de pinyons

“Drocati!” Qualunque cosa abbiate pensato, siete dei drogati, perché non sto parlando né di stupefacenti, né di bevande mondialmente conosciute.

Forse i Catalani stavano provando a fare una focaccia, ma hanno esagerato con lo zucchero. O forse stavano cercando di imitare il nostro Pan di Spagna (che in Spagna non si chiama così, n.d.r.), ma avevano finito le scorte di lievito. Sia come sia, la coca de pinyons è un ibrido che può allietare le vostre sconsolate colazioni a Barcellona. Magari con un espresso (va be’, non fatevi illusioni!) o un cortado (caffè macchiato).

coca de pinyons

3. Tostada

Per la serie “non si butta via niente, a maggior ragione in Catalogna”*, il pane duro diventa gourmet. In realtà un po’ in tutta la Spagna le tostadas sono tra le più ambite per fare colazione. La mia preferita è quella semplice con aceite y pimentón (olio e paprica dolce).

Insomma, mangiare, si mangia. Ma adesso capite perché Banderas se n’è dovuto venire in Italia a inzuppare il biscotto?

*I Catalani in Spagna godono della stessa fama dei Genovesi in Italia: braccine corte.

tostada

0

3 modi per fargli capire che sei arrabbiata con lui

Premessa

Lui è apparentemente un tipo tranquillo e discreto, con un invidiabile self-control. Lei è nevroticamente amante della vita e delle emozioni.

Lui sta correndo verso l’ultima tappa, con 40° all’ombra, in salita. Lei lo aspetta all’arrivo con ombrellino, ventilatorino elettrico made in China, 8 bottiglie di acqua, 32 integratori diversi al gusto di papaia, frutto della passione e cotogno del Bengala e una valigia piena di cianfrusaglie dalla dubbia utilità, ma che, insomma, “Non si sa mai…”.

Pista corsa

Lei comincia ad avere gli svarioni, complici il caldo e l’impazienza. L’acqua inizia a ribollire. Le pile del ventilatore si sono scaricate. L’ombrellino s’è sciolto (anche lui, made in China). Gli integratori si sono uniti in sciopero e stanno progettando un attacco chimico contro l’umanità. Lui decide che è il momento giusto per fare una pausa, fumarsi una sigaretta, chiedere una Red Vintage e iniziare a divagare sul colore dei lacci delle scarpe.

Tema

Tre modi per fargli capire che sei arrabbiata con lui.

Svolgimento

Cara rappresentante del non-poi-così-tanto-gentil sesso, se speri che il tuo lui si accorga telepaticamente che stai già pensando a come realizzare una bambola Woodo con la sua faccia seguendo un tutorial di YouTube, mi dispiace riportarti con i piedi per terra, ma, per quanto ottimisticamente tu creda nella sua perspicacia, non capirà mai e poi mai che sei terribilmente e irrimediabilmente arrabbiata con lui. A meno che non decidi di seguire una di queste semplici tecniche.

1. Metamorfosi facciale

Una delle tecniche più efficaci per far sospettare al tuo lui che gli rimangono poche ore di vita è piantare il muso. Ma non un musetto da topo con la dissenteria. No. Qui parliamo di alti livelli. Per farti un’idea, immagina la Magnum di Derek con una carica di rabbia esagerata.

Se non sai cos’è “la Magnum di Derek”, è giunto il momento di vedere Zoolander. E se non hai tempo da dedicare al cinema d’autore, puoi sempre provare con le altre due tecniche.

Derek Zoolander

2. Perturbazioni acustiche

Se la vista non è il senso forte del tuo uomo, prova a captare la sua attenzione con i decibel. Sbatti qualunque cosa ti capiti tra le mani, come se, posseduta dallo spirito di Hulk, non riuscissi a controllare la tua forza. Le porte, ovviamente, saranno le tue migliori alleate, perché accompagneranno il botto a una piccola folata di vento che schiaffeggerà il tuo lui proprio lì, sulla nuca.

Se vivi in un loft ultra-fashion e il tuo credo Feng Shui ti ha proibito l’uso delle porte, puoi sempre ricorrere ai tuoi talloni. Dimentica tutta la grazia delle lezioni di danza classica e ispirati, piuttosto, agli ippopotami di Fantasia, facendo tremare tutto ciò che si trovi a mezzo metro da te.

Se non conosci degli ippopotami in tutù, posso presentartene qualcuno… Ma ciò potrebbe implicare degli spostamenti aerei per raggiungere l’area protetta in cui ne rimane ancora un mediocre esemplare.

Ippopotami Fantasia

3. Ascetismo Sadhu

Tra le varie pratiche messe in atto dai monaci Sadhu, due dovranno esserti d’ispirazione: l’astinenza sessuale e il voto di silenzio. In poche parole, non dargliela e non rivolgergli la parola. Ci starà un po’ a capire perché non gli parli e, per paura che si tratti ancora una volta della tua sindrome premestruale, eviterà di farti domande.

Tuttavia,quando il sangue comincerà a concentrarsi sul suo muscolo più reattivo (no, spiacente, non sto parlando del cervello… E neanche del cuore…), gli basteranno pochi istanti per realizzare cosa stia succedendo.

E a quel punto, qualunque cosa abbia fatto (o no…), si prostrerà ai tuoi piedi e ti chiederà perdono per tutti i suoi peccati.

Starà a te decidere di assolverlo. O no.

Amen.

Sadhu

0

A volte ritornano: ispirazioni, pensieri e parole

C’è chi scrive per vivere, chi vive per scrivere, chi scrive di vite e chi vive di scritture. E poi c’è chi a volte scrive. E a volte vive.

Ho vissuto tante vite in un solo anno e dato ascolto a tutte le mie personalità. Qualcuna reclama ancora Casa, o meglio, quella sensazione di essere nel posto giusto al momento giusto.

Continuo a sorridere con la consapevolezza di avere ancora degli spazi troppo grandi attorno, tanto da sentire l’eco delle mie parole. E io sono logorroica d’indole.

Parlo, parlo, parlo. E a volte scrivo. Scrivo di pensieri e parole.

[You’re not too late]