0

Referendum in Crimea: Russia VS Ucrania? La Snai se ne lava le mani

Ultimamente soffro una forma acuta di socialpatia, uno strano incrocio frutto di una misantropia virtuale e un rifiuto mediatico. Sarà che entrare in Facebook a volte mi da lo stesso malessere psicofisico di dieci minuti di Pomeriggio5 con Barbara d’Urso. O sarà che, nonostante sia consapevole dell’imperativo delle strategie di web marketing [scadenti], mal sopporto la mediocrità.

Fatto sta che, come spesso mi succede da quando sono una Italiana a Barcellona, leggendo vari post mi sono resa conto di una triste realtà, un fatto davvero insostenibile, oltre che vergognoso: la Snai non ha quotato l’incontro Russia-Ucraina, disputato in Crimea questo pomeriggio.

Gli Italiani e la domenica: “Ma a quanto era dato Russia-Ucraina?”

Sono fermamente convinta che questa sia stata un’altra mossa di quello stratega di Putin: “Facciamole di domenica ste elezioni! Ci giochiamo un quarto di opinione pubblica internazionale e отвяжись!”

Detto, fatto. Quindi di cosa posso mai colpevolizzare quei poveri Italiani se la Snai ha deciso che la partita tra Russia e Ucraina in Crimea non era degna di essere quotata per la giornata di campionato di domenica 16 marzo 2014?

Ci credo che l’unica preoccupazione di oggi fosse il Catania ultimo in serie A! Va’ sientili a ddi Palermitani…

Referendum in Ucraina: la Crimea sposa la Russia con il suo “Sì!”, ma il Milan perde di nuovo

Eeeeeeh, e che sarà mai? Quando ce n’è fregato niente a noi di politica? Insomma, su, stiamo solo parlando di un referendum come un altro che al massimo potrebbe armare due eserciti, scatenare sentimenti nazionalisti antisovietici e smuovere quel grande senso del dovere a stelle e strisce.

Non so se qualcuno oggi ha pensato realmente a quello a cui potremmo assistere il 21 marzo. Però so che oggi il Milan ha perso di nuovo.

 

Annunci