0

3 modi per fargli capire che sei arrabbiata con lui

Premessa

Lui è apparentemente un tipo tranquillo e discreto, con un invidiabile self-control. Lei è nevroticamente amante della vita e delle emozioni.

Lui sta correndo verso l’ultima tappa, con 40° all’ombra, in salita. Lei lo aspetta all’arrivo con ombrellino, ventilatorino elettrico made in China, 8 bottiglie di acqua, 32 integratori diversi al gusto di papaia, frutto della passione e cotogno del Bengala e una valigia piena di cianfrusaglie dalla dubbia utilità, ma che, insomma, “Non si sa mai…”.

Pista corsa

Lei comincia ad avere gli svarioni, complici il caldo e l’impazienza. L’acqua inizia a ribollire. Le pile del ventilatore si sono scaricate. L’ombrellino s’è sciolto (anche lui, made in China). Gli integratori si sono uniti in sciopero e stanno progettando un attacco chimico contro l’umanità. Lui decide che è il momento giusto per fare una pausa, fumarsi una sigaretta, chiedere una Red Vintage e iniziare a divagare sul colore dei lacci delle scarpe.

Tema

Tre modi per fargli capire che sei arrabbiata con lui.

Svolgimento

Cara rappresentante del non-poi-così-tanto-gentil sesso, se speri che il tuo lui si accorga telepaticamente che stai già pensando a come realizzare una bambola Woodo con la sua faccia seguendo un tutorial di YouTube, mi dispiace riportarti con i piedi per terra, ma, per quanto ottimisticamente tu creda nella sua perspicacia, non capirà mai e poi mai che sei terribilmente e irrimediabilmente arrabbiata con lui. A meno che non decidi di seguire una di queste semplici tecniche.

1. Metamorfosi facciale

Una delle tecniche più efficaci per far sospettare al tuo lui che gli rimangono poche ore di vita è piantare il muso. Ma non un musetto da topo con la dissenteria. No. Qui parliamo di alti livelli. Per farti un’idea, immagina la Magnum di Derek con una carica di rabbia esagerata.

Se non sai cos’è “la Magnum di Derek”, è giunto il momento di vedere Zoolander. E se non hai tempo da dedicare al cinema d’autore, puoi sempre provare con le altre due tecniche.

Derek Zoolander

2. Perturbazioni acustiche

Se la vista non è il senso forte del tuo uomo, prova a captare la sua attenzione con i decibel. Sbatti qualunque cosa ti capiti tra le mani, come se, posseduta dallo spirito di Hulk, non riuscissi a controllare la tua forza. Le porte, ovviamente, saranno le tue migliori alleate, perché accompagneranno il botto a una piccola folata di vento che schiaffeggerà il tuo lui proprio lì, sulla nuca.

Se vivi in un loft ultra-fashion e il tuo credo Feng Shui ti ha proibito l’uso delle porte, puoi sempre ricorrere ai tuoi talloni. Dimentica tutta la grazia delle lezioni di danza classica e ispirati, piuttosto, agli ippopotami di Fantasia, facendo tremare tutto ciò che si trovi a mezzo metro da te.

Se non conosci degli ippopotami in tutù, posso presentartene qualcuno… Ma ciò potrebbe implicare degli spostamenti aerei per raggiungere l’area protetta in cui ne rimane ancora un mediocre esemplare.

Ippopotami Fantasia

3. Ascetismo Sadhu

Tra le varie pratiche messe in atto dai monaci Sadhu, due dovranno esserti d’ispirazione: l’astinenza sessuale e il voto di silenzio. In poche parole, non dargliela e non rivolgergli la parola. Ci starà un po’ a capire perché non gli parli e, per paura che si tratti ancora una volta della tua sindrome premestruale, eviterà di farti domande.

Tuttavia,quando il sangue comincerà a concentrarsi sul suo muscolo più reattivo (no, spiacente, non sto parlando del cervello… E neanche del cuore…), gli basteranno pochi istanti per realizzare cosa stia succedendo.

E a quel punto, qualunque cosa abbia fatto (o no…), si prostrerà ai tuoi piedi e ti chiederà perdono per tutti i suoi peccati.

Starà a te decidere di assolverlo. O no.

Amen.

Sadhu

Annunci